Come dimagrire a 50 anni?

0

Dimagrire man mano che si avanza con l’età è sempre più difficile. Avrai notato certamente anche tu che da giovane facevi meno fatica a buttare giù quei chili di troppo, mentre ora, nonostanti fai attenzione a ciò che mangi, l’ago della bilancia sembra sempre fermo sullo stesso punto.

Tutto ciò non deve sorprenderti, è normale, infatti, che con il passare degli anni, e soprattutto dai 50 anni in su, il processo di dimagrimento è più lento. La causa principale è da ricondurre al metabolismo che, complice il cambiamento ormonale tipico dell’età, rallenta visibilmente.

Soprattutto nelle donne, l’aspetto ormonale legato alla menopausa, mette a dura prova la forza di volontà necessaria per dimagrire. In questo delicato periodo la donna tende ad accumulare grasso in particolare sull’addome ed aumenta la ritenzione idrica.

Alla luce del fatto che dimagrire a 50 anni non è per nulla semplice, il primo sforzo da fare è quello mentale. Se si decide, infatti, di perdere peso, occorre quindi essere estremamente convinte, altrimento al primo accenno di difficoltà si rischia di arrendersi. Proprio per il fatto che dimagrire a 50 anni è difficile (ma non impossibile!) ed i risultati saranno lenti ad arrivare, è bene essere consapevoli del lavoro da fare e nello stesso tempo occorre avere molta tenacia.

Come cambia il metabolismo a 50 anni?

Il metabolismo è la velocità con la quale l’organismo impiega l’energia o le calorie utili alle funzioni vitali, come può essere la circolazione sanguigna, la temperatura corporea, il battito cardiaco o la respirazione.

In condizioni normali, il metabolismo è più veloce quando si è giovani, mentre rallenta notevolmente man mano che si invecchia. Il metabolismo rallenta dopo una certa età perché con il passare degli anni, si riduce la massa muscolare lasciando spazio a quella grassa.

Per intervenire sul metabolismo occorre quindi andare ad invertire questo processo cercando di aumentare la massa muscolare a discapito della massa grassa. Ma come fare?

Le vie sono due e devono essere percorse parallelamente. Da un lato è bene praticare sport o comunque fare movimento, in maniera regolare, senza esagerare ma costantemente. Questo farà sì che la massa muscolare venga stimolata ed aumentata e di conseguenza il metabolismo accelerato.

L’altra strada sulla quale agire è l’alimentazione. Molti compiono l’errore di diminuire eccessivamente l’apporto calorico a tal punto che il metabolismo basale, per proteggere il l’organismo, rallenta a tal punto che la massa muscolare non diminuisce in favore delle scorte di grasso.

Pertanto, pensare che saltando il pranzo o la cena sia utile per dimagrire a 50 è un’idea decisamente sbagliata.

Dimagrire a 50 anni, come fare?

Per dimagrire a 50 innanzitutto è bene ricordare che ci vorrà del tempo, i risultati non arriveranno subito e sarà necessario avere tanta pazienza e tenacia.

Appurato ciò, occorre ritagliarsi necessariamente del tempo da dedicare all’attività fisica in maniera regolare. Ciò che porta maggiori risultati è la corsa, tuttavia non ci si improvvisa atleti, quindi se si è poco allenati meglio partire per gradi con un camminata veloce che diventerà via via più sostenuta fino a divenire appunto corsa. Oltre alla velocità di esecuzione è bene aumentare la distanza percorsa, anche in questo caso sempre per gradi, senza esagerare.

Va bene anche un’attività fisica al chiuso, in palestra, l’importante è che sia aerobica e che metta quindi in allenamento il muscolo cardiaco. Solo in questo modo si attiverà il processo che permette di velocizzare il metabolismo.

Per quanto riguarda l’alimentazione, lo ripetiamo, è bene cercare di non ridurre drasticamente le calorie immesse né tanto meno saltare i pasti.

La colazione, ad esempio, deve essere abbondante e lo è anche farla entro la prima ora dal risveglio, quando il metabolismo è accelerato, prestando attenzione a non esagerare.

Ciò che si deve evitare, o quantomeno ridurre, sono i condimenti e i cibi fritti. Sono da consumare con moderazione, invece, i formaggi, la carne rossa ed i salumi. Meglio preferire legumi, pesce e carne bianca. Questi alimenti sono ricchi di proteine e contengono fitormoni, capaci di regolare gli ormoni naturali, particolarmente importanti nel periodo della menopausa.

Altro trucco utile per dimagrire a 50 anni è diminuire le porzioni, non si rinuncia quindi ad una pietanza che piace, ma piuttosto se ne mangia meno.

Ma l’asso nella manica che abbraccia tutti gli aspetti che abbiamo appena trattato è la costanza, sono così si riuscirà a dimagrire a 50 anni.

Dobbiamo specificare però che non necessariamente a 50 anni con l’arrivo della menopausa per le donne, sia automatico l’aumento di peso, può non accadere, ma sicuramente il rischio è maggiore. Meglio quindi iniziare a condurre uno stile di vita regolare e curato fin da subito, prima che l’aumento di peso sia evidente. Per mantenere il proprio peso costante, anche dopo i 50 anni, basta ridurre di 200 kcal il fabbisogno giornaliero portandolo intorno alle 1800 kcal. Si tratta di un dato certamente indicativo, che deve tener conto dell’attività fisica e lavorativa della singola persona.

Share.

About Author

Leave A Reply