Dieta dei centrifugati e dei frullati: funziona per dimagrire?

0

Si avvicina l’estate; le temperature si alzano e per voglia o necessità ci si deve svestire. Molte donne sono già in panico pensando alla tanto temuta prova costume. Un inverno un po’ troppo pigro ha aggiunto un paio di chili alla nostra linea, perciò è tempo di rimboccarsi le maniche incominciando da una bella dieta per riattivare il metabolismo. È risaputo che ne esistono decine e decine di tipi, oggi andremo ad analizzare quella dei centrifugati e frullati.

Tanta sostanza poche calorie

Innanzitutto è bene spiegare che una dieta è un regime alimentare molto particolare che normalmente porta alla privazione di alcuni alimenti rispetto ad altri. Questo comporta che deve essere praticata per un breve periodo e con molta attenzione. I centrifugati e i frullati permettono di creare una così detta dieta d’urto in grado di riattivare un metabolismo un po’ assopito da sedentarietà e da un’alimentazione non corretta.

Andiamo a sfruttare le ottime proprietà di molti tipi di frutta e verdura che sotto forma di frullati e centrifughe, consentono di preparare pasti liquidi molto veloci, gustosi, leggeri, freschi e con la capacità di ridurre lo stimolo della fame.

È una dieta ideale da iniziare nel periodo primaverile/estivo, per sfruttare la grande abbondanza di materia prima; con il caldo si tende ad avere meno appetito e maggior voglia di qualcosa di fresco e leggero.

Quasi tutta la verdura e la frutta hanno altissimi contenuti di acqua, vitamine e sali minerali con un ridotto apporto calorico. Si chiama dieta d’urto perché durante il giorno si vanno ad assumere circa 900 calorie suddivise in cinque pasti. Per il nostro metabolismo addormentato è una vera “botta di vita” con la conseguenza che si andrà quasi subito a perdere peso, sia attraverso una riduzione dell’acqua in eccesso, sia bruciando tessuto adiposo. Nonostante la dieta sia sostanzialmente liquida è bene ricordarsi di bere comunque almeno un litro d’acqua al giorno.

Altra cosa importante è che si tratta di una dieta lampo da seguire per pochi giorni, 3 al massimo. Serve per riattivare l’organismo e perdere un paio di kg non di più. Anche se siete particolarmente soddisfatti, è bene non proseguire a lungo con questo regime alimentare perché seppur sano, ha delle grosse carenze di alimenti fondamentali per la nostra salute come: proteine, grassi e carboidrati.

I vantaggi della dieta dei centrifugati e dei frullati

Facendo un rapido riassunto ecco i vantaggi di questa dieta di frullati e centrifugati:
– veloce e comoda sia da preparare che da consumare;
– ideale nei periodi molto caldi;
– migliora notevolmente il problema delle ritenzione idrica;
– non è particolarmente costosa;
– dura molto poco;
– non costringe a grandissimi sacrifici;
– fa perdere anche fino a 2 kg in soli tre giorni (varia a seconda del tipo di persona)

I cibi da preferire

In generale quasi tutta la frutta e la verdura vanno bene ma ci sono alimenti preferibili rispetto ad altri. Tutti i vegetali verdi sono consigliabili: zucchine, lattuga, spinaci, cetrioli e altri tipi di insalate. Sono tutti prodotti contenenti molto acido folico e vitamine k ed E, oltre ad una buona dose di ferro.

Altri alimenti che non possono mancare sono: il pomodoro molto ricco di vitamina C, la carota e il finocchio.
Anche la frutta non ha particolari controindicazioni. Molto consigliate sono le mele, pere, fragole e pesche. L’ananas contenendo molto potassio e magnesio, aiuta a riequilibrare questi valori soprattutto in caso di intensa sudorazione. Contiene poi grandi quantità di bromelina che ha un forte effetto diuretico, andando a contrastare la ritenzione idrica.

Frutti da evitare sono la banana, l’uva il fico perché hanno indici glicemici troppo alti. Per tre giorni possiamo anche fare il sacrificio di non mangiare una banana.
Naturalmente è sottinteso che per avere dei buoni risultati durante la dieta, sono da evitare tutti quei cibi tipici dei golosi che contengono montagne di zuccheri e grassi. Non consumare anche tutti i tipi di carboidrati complessi come pasta e riso, così come i latticini e la carne rossa. Si può utilizzare un cucchiaino di olio extra vergine di oliva da aggiungere ad un’insalata.

Un menu tipo della dieta dei centrifugati:

Colazione:

Un frullato utilizzando una mela,una pera e una pesca. Se avete per esempio delle fragole vanno benissimo.
Spuntino di metà mattina: delle carote crude o anche dei peperoni (se non avete problemi a digerirli). In questo caso le carote potrebbero anche essere centrifugate, ma vista la poca quantità possono essere consumate anche intere.

Pranzo:

centrifugato di mela verde, cetriolo e zenzero.
Spuntino metà pomeriggio: frullato di ananas (consiglio di mettere anche il gambo che solitamente viene buttato per via della durezza).

Cena:

Insalata mista con lattuga, pomodorini e sedano accompagnati con del pesce o del petto di pollo (un minimo di proteine e di cibo solido ci vuole).

Mantenere i risultati

Dopo un pò di sacrificio per mantenere i risultati ottenuti basta cercare di seguire un’alimentazione equilibrata, dividere l’intero fabbisogno calorico in 5 pasti e fare della sana attività fisica. Bastano questi pochi accorgimenti per mantenere la linea che desideriamo.

Share.

About Author

Leave A Reply